Posted by Laura Ercoli on 14 giugno 2017

Al via l’accordo per proteggere in Cina 100 indicazioni geografiche europee

INDICAZIONI GEOGRAFICHE IN CINA

100 indicazioni geografiche europee, di cui 24 italiane, saranno protette da imitazioni e usurpazioni in Cina entro il 2017 grazie a un nuovo accordo bilaterale Cina-UE.

L’Unione Europea e la Cina hanno concluso un accordo bilaterale che consentirà la protezione in Cina di 100 indicazioni geografiche europee entro il 2017, e corrispondentemente la tutela nell’Unione Europea di 100 indicazioni geografiche cinesi.indicazioni geografiche Cina

La pubblicazione il 2 giugno 2017 delle due liste di indicazioni geografiche europee e cinesi dà di fatto il via alla procedura per proteggere da imitazioni e usurpazioni i prodotti elencati.

Le parti interessate hanno due mesi di tempo per formulare osservazioni sui prodotti e presentare eventuali obiezioni alle autorità UE o cinesi.

La cooperazione fra l’Unione Europea e la Cina in materia di indicazioni geografiche è iniziata oltre 10 anni fa, consentendo nel 2012 la tutela da entrambe le parti di 10 denominazioni, fra le quali le italiane Grana Padano e Prosciutto di Parma.

Le indicazioni geografiche italiane comprese in questo nuovo accordo bilaterale sono:

Aceto balsamico di ModenaBrunello di MontalcinoMozzarella di Bufala Campana
AsiagoChiantiParmigiano Reggiano
AstiConegliano – Valdobbiadene – ProseccoPecorino Romano
BarbarescoDolcetto d’AlbaProsciutto di San Daniele
Bardolino SuperioreFranciacortaSoave
BaroloGorgonzolaTaleggio
Brachetto d’AcquiGrappaToscano/a
Bresaola della ValtellinaMontepulciano d’AbbruzzoVino nobile di Montepulciano

L’accordo bilaterale Unione Europea-Cina sulla tutela delle indicazioni geografiche è un’ottima notizia per l’agroalimentare di qualità italiano, per il quale la Cina e altri paesi dell’estremo oriente rappresentano un mercato in forte espansione. Infatti l’Italia è il paese europeo con il maggior numero di prodotti agroalimentari a denominazione di origine e a indicazione geografica riconosciuti dall’Unione Europea, con 291 prodotti DOP, IGP, STG e 523 vini DOCG, DOC, IGT.

Per quanto riguarda la tutela delle indicazioni geografiche italiane in paesi dell’estremo oriente, segnaliamo inoltre l’accordo fra l’Unione Europea e la Corea del Sud in vigore da luglio 2011 per la protezione di 60 indicazioni geografiche UE di cui 16 italiane. La possibilità di giungere a un accordo analogo con il Giappone entro il 2017 è stata discussa durante la recente visita a Bruxelles del primo ministro nipponico Shinzo Abe.

Per informazioni
Sei interessato alla tutela di prodotti agroalimentari di qualità all’estero? Contattaci senza impegno per un preventivo o altre informazioni

Contenuti correlati
Scheda – Tutela prodotti agroalimentari
Flash News – Marchio annullato perché confondibile con una indicazione geografica: il caso Toscoro

Related posts